Mahmood estreia Eternantena, single composto durante o isolamento na Itália

Forte e sensível. Sincero e direto. Assim é Eternantena, o single que Mahmood compôs durante o período de isolamento na Itália, que já leva cerca de um mês e meio.

O país decretou lockdown após se tornar o epicentro da pandemia de coronavírus na Europa, somando mais de 13 mil mortos – mais de 700 só nas últimas 24 horas.

A quarentena serviu de inspiração para o rapper descrever sua angústia em um de seus melhores textos. Confira:

A produção é de Muut, Francesco Fugazza e Marcello Grilli.

Letra de Eternantena – Mahmood

Vorrei, vorrei
Vivrei, vivrei
Come gli, come gli dei a Pompei
Esser ricordato nei musei
Ma non lo paragonerei
A ciò che vedo qua coi miei occhi
Sembra la fine, fine, fine, fine, fine

Ah, ho dato un calcio alla porta della cucina
Da un mese e mezzo è che non vedo più un’anima, ma
Fuori sembra caldo, dentro forse mollo
Guardo il sole e il mondo pregando ad Apollo
Sai tu che ore sono? 4 e non ho sonno
È facile per me perdere briciole del mio controllo
Dimmi, gridi pure te, sto
Chiuso in bagno, gioco alla Nintendo, perdo tempo
Da un po’ non fumo, sto
Impazzendo, starò fuori quest’inverno? Boh

C’è chi gioca a dama con la mamma, chi cammina sotto casa
Poi se becca la madama, piange, poi si ammala
Alla tele fanno a gara delle lacrime, Niagara
Per un Avada Kedavra che ti pugnala
Che ti pugnala, che ti pugnala
Che ti pugnala
C’è chi gioca a dama con la mamma, chi cammina sotto casa
Poi se becca la madama, piange, poi si ammala
Alla tele fanno a gara delle lacrime, Niagara
Per un Avada Kedavra che ti pugnala
Che ti pugnala, che ti pugnala
Che ti pugnala, che ti pugnala

Vorrei, vorrei
Vivrei, vivrei
Come gli, come gli, come gli, come gli dei a Pompei