Noemi lança o álbum Metamorfosi. Ouça!

Depois da participação no Festival de Sanremo, Noemi apresenta uma nova fase artística. Do look (15kg mais magra) à equipe de trabalho, a italiana competiu no Teatro Ariston com o novo álbum saindo do forno. Metaformosi é o disco que chegou em 5 de março, três anos após a publicação de La Luna.

Destaque – LatinPopCast #26: Vitória do Maneskin rejuvenesce o Festival de Sanremo

Este é o sexto álbum de estúdio da artista de Roma e foi produzido por Dario Faini, Muut e Andrea Rigonat.

+ Leia Mais: Blas Cantó lança clipe de Voy a Quedarme

Em sua sexta participação no Festival de Sanremo, Noemi apresentou Glicine e terminou na 14ª colocação, apesar das performances impecáveis em todas as noites. A competição teve Maneskin como campeão.

Ouça Metamorfosi, o novo álbum da Noemi

Veja o clipe oficial de Glicine, a música de Noemi no Festival de Sanremo

Letra de Glicine – Noemi

Mi dici che
Che non funziona più
Siamo soli adesso noi
Sopra a un pianeta blu

E quando arriva sera
Invadi la mia sfera
Non è la primavera
Che non sento da un po’

Non sento da un po’
I brividi sulla mia pelle,
Il tuo nome fra le stelle

Sembra ieri,
Sembra ieri che la sera
Ci stringeva quando tu stringevi me

Ricordo ancora quella sera guardavamo le
Le code delle navi dalla spiaggia sparire
Vedi che son qui che tremo
Parla parla parla parla con me
Ma forse ho solo dato tutto per scontato e
E mi ripeto che scema a non saper fingere
Dentro ti amo e fuori tremo
Come glicine di notte

Scommetto che
Ora non prendi più
L’abitudine di far
Sempre come vuoi tu

E quando arriva sera
Mi manca l’atmosfera
Non è la primavera
Sembra ieri, sembra ieri che la sera
Ci stringeva quando tu stringevi me

2020-03-10

Ricordo ancora quella sera guardavamo le
Le code delle navi dalla spiaggia sparire
Vedi che son qui che tremo
Parla parla parla parla con me
Ma forse ho solo dato tutto per scontato e
E mi ripeto che scema a non saper fingere
Dentro ti amo e fuori tremo
Come glicine di notte

Dietro di noi vedo giorni spesi su treni infiniti
Forse è solo che mi manca parte
Di un passato lontano come Marte
Tu cosa dirai vedendomi arrivare
Quando ti raggiungerò
Ricordo ancora quella sera guardavamo le
Le code delle navi dalla spiaggia sparire
Vedi che son qui che tremo
Parla parla parla parla con me
Ma forse ho solo dato tutto per scontato e
E mi ripeto che scema a non saper fingere
Dentro ti amo e fuori tremo
Come glicine di notte

Ora che
Non posso più tornare
A quando ero bambina
Ed ero salva da ogni male
E da te, da te, da te

Comentários do Facebook
spot_img
Comentários do Facebook
X